Il fenomeno cuckold sempre più frequente

Sebbene la pratica del cuckold sia sempre più vissuta e diffusa anche alle nostre latitudini, in realtà, non sono tante le coppie che decidono di esternare questa loro passione. Complice forse anche un certo imbarazzo nel parlarne, le coppie che si dedicano a questo genere di esperienze, non condividendo – se non raramente – ciò che vivono, contribuiscono indirettamente a mantenere per così underground e marginale l’argomento.

Eppure, a ben vedere, leggendo i racconti erotici cuckold di alcune coppie che vivono la loro sessualità senza tabù, si scopre l’esistenza di un certo tipo di dinamica di coppia che spinge a sperimentare questo genere di situazione, che non è mai uguale. Infatti, talvolta i partner che decidono di affidare la propria dolce metà a un bull, desiderano essere presenti (e si eccitano) nel vedere un altro uomo possedere la propria donna.

In linea di principio, osservando le storie cuckold condivise dagli utenti, si nota sempre una certa propensione a vivere la relazione a mo’ di coppia aperta: talvolta questi individui sono, infatti, desiderosi di sperimentare incontri con soli bull mentre talora vogliono abbinare anche la pratica dello scambio di coppia. Quando la voglia di trasgressione è ancor più alta, invece, il bull e la donna possono anche incontrarsi da sola.

Quest’ultima maniera di vivere il rapporto cuckold è però meno comune, proprio perché alla base del desiderio di coinvolgere un bull, c’è la voglia di conoscere la partner da altri punti di vista, vedendola godere del piacere erotico da un’altra prospettiva, creando anche una sorta di “confronto” in termini prestazionali erotici, un aspetto primordiale che affascina tanti uomini desiderosi di riscoprire questa dimensione umana ancestrale.

Dal punto di vista femminile, invece, la voglia di assaporare questa esperienza trasgressione può essere dettata appunto dalla riscoperta del sesso, andando al di là dell’abituale rapporto con il partner. Lo stimolo nel provare nuove cose, l’apertura, il superamento della routine – che spesso uccide i rapporti di coppia – erotica sono valide ragioni che spingono anche le donne a desiderare questa esperienza senza troppe inibizioni.

In tante storie erotiche condivise sul web a testimonianza degli incontri vissuti, spesso emerge comunque la ritrosia personale dei protagonisti delle esperienze cuckold nel parlare di persona con altri di queste pratiche: il timore di un giudizio morale o, semplicemente, un certo atteggiamento di condanna molto diffuso in coloro i quali non praticano questa esperienza, spinge gli amanti del cuckold a condividere in modo indiretto le esperienze.

Stabilire chi – tra i partner – si faccia solitamente promotore di queste pratiche, non è qualcosa di semplice: in linea di massima, però, sono solitamente gli uomini a proporre questo genere di esperienza, soprattutto perché spinti da un desiderio di trasgressione che va oltre il modello tradizionale di coppia. Le donne, in questo senso, spesso devono vincere una certa indisponibilità insita nell’educazione e nella cultura.

Tuttavia, neppure gli uomini riescono sempre a concepire facilmente – e ammettere – che desiderano vivere l’esperienza cuckold: in questo senso, emerge quasi sempre come il percorso per arrivare a questo traguardo sia molto graduale e, ancora, che alla base della realizzazione di questo desiderio (spesso celato e represso ingiustamente) vi sia sempre una grande complicità tra i due partner.

Nei racconti erotici cuckold condivisi spesso tra blog e portali dedicati a questo genere, spesso, emerge poi che in seguito all’esperienza vi sia una rinascita del rapporto di coppia, che torna ad essere più emozionante e coinvolgente. Ciò, tuttavia, dipende in larga misura da quanto la donna sia disponibile nel vivere l’esperienza, giacché è proprio la sua capacità di godere della stessa a trasmettere la massima soddisfazione anche all’uomo.

E voi avete già deciso di vivere la vostra sessualità in modo più disinibito e libero? Non dimenticate di dire la vostra nei commenti: solo in questo modo potrete contribuire ad abbattere questo tabù.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *